LE TAVOLETTE DI CERA

L’uso della cera costituì davvero un passo rivoluzionario nell’uso dei supporti di scrittura perché rivoluzionaria fu la possibilità di riutilizzare la tavoletta dalla quale la scrittura poteva essere cancellata.
I gruppi principali di tavolette cerate che noi conosciamo provengono da Pompei tutte risalenti al I secolo.
Con il V secolo l’uso delle tavolette cerate sembra esaurirsi naturalmente, sostituite dal papiro e poi dalla pergamena: pochissimi sono gli esempi di epoca medievale.
Fissate ai bordi con un cordoncino in forma di libro le tavolette potevano essere confezionate in gruppi di due o più e, in base al numero delle tavole che componevano il libro venivano denominate dittici, trittici, polittici. Scavate al centro per ricevere la cera, venivano riempite in realtà di gomma lacca fusa che solo nel Medioevo divenne un misto di cera e pece. Due bottoncini posti sui bordi evitavano che, se affiancate, le parti cerate si toccassero e quindi si rovinasse la scrittura. In realtà alcune volte veniva utilizzata anche una tabella unica, ricoperta di cera solo su un lato. La cera veniva scritta a sgraffio con lo stilo, una canna molto appuntita da un lato e dall’altra a forma di spatola: questa estremità veniva utilizzata, se necessario, per levigare la cera cancellando la scrittura. Il testo del documento era tutto scritto sulle facciate interne riempite di cera (scriptio interior). Tuttavia anche le facciate esterne svolgevano un ruolo importante dal punto di vista dei contenuti poiché sull’esterno venivano tracciate le sottoscrizioni e apposti i sigilli dei testimoni, nonché spesso un riassunto dell’atto contenuto (scriptio exterior) . Chiusa da una cordicella la tavoletta non poteva essere aperta e quindi il testo non poteva essere letto né modificato se non dal suo destinatario.
Le tavolette contenevano soprattutto documenti privati e venivano utilizzate per gli usi correnti, numerosi sono i testimoni che conservano appunti, conti, esercizi scolastici, lettere, ma anche atti privati quali vendite e affitti; esse costituirono quindi gli archivi di singole persone. Furono usate in parte anche nelle pubbliche amministrazioni mentre non si è certi se venissero utilizzate anche per i testi letterari.

Tratto da: http://www.comune.san-miniato.pi.it

Una risposta a LE TAVOLETTE DI CERA

  1. mazapegul daniel scrive:

    ..e’ interessante l’uso della cera!!

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: