l’argilla

PRESENTAZIONE
Questo articolo descrive come realizzare delle tavolette d’argilla e come fare per inciderle più o meno come facevano gli antichi sumeri e gli altri popoli della Mesopotamia. Si tratta di un esperimento carino e che farà toccare letteralmente con mano una tecnica che veniva usata oltre 5000 anni fa per scrivere
TAVOLETTE D’ARGILLA
I sumeri abitavano in Mesopotamia, una terra attraversata da due fiumi e che era ricca di acquitrini e di fango. Come supporto per scrivere, trovarono comodo usare tavolette d’argilla. La scrittura cuneiforme è così chiamata perchè è composta da segni che hanno l’aspetto di piccoli cunei. Però, all’inizio la scrittura cuneiforme non era affatto composta da cunei e sulle tavolette d’argilla si incideva la figura degli oggetti da rappresentare e gli eventuali segni numerici. La scrittura cuneiforme si diffuse in buona parte del Medio Oriente antico e venne usata da molti popoli diversi quali i sumeri, gli accadi, i babilonesi e gli assiri. . La scrittura cuneiforme durò millenni e venne soppiantata dalla scrittura alfabetica, molto più facile da imparare e da usare. Tuttavia, la scrittura cuneiforme non scomparve appena la scrittura alfabetica fu disponibile, ma resistette molti secoli perchè gli scribi la consideravano superiore nell’esprimere le sfumature del pensiero e della lingua.

MATERIALI- un pane d’argilla
– un foglio di plastica

– un rullo di legno o di plastica.

– uno stilo di legno,

PROCEDIMENTO :

Da un pane d’argilla, tagliate una fetta.
Impastate l’argilla.
Con un rullo, ricavatene una
tavoletta dello spessore di 6-8 mm
Stilo per incidere i segni cuneiformi.
Notate la lavorazione della sua estremità.
Per incidere un cuneo, all’inizio
tenete lo stilo quasi parallelo alla tavoletta
e premete moderatamente.Mantenendo la punta nella stessa posi-
zione, sollevate lo stilo come mostrato. Nel
riquadro a lato potete vedere il cuneo impresso.

COME CONSERVARE LE TAVOLETTE:
Molte tavolette venivano semplicemente lasciate asciugare al sole, altre erano cotte in forni. Ogni tanto, per cause accidentali o per via di una guerra, l’archivio prendeva fuoco e anche le tavolette crude subivano una cottura. In questo modo, l’argilla si trasformava in un materiale ceramico: la terracotta.
FORMAZIONE DEI DEPOSITI SEDIMENTARI
L’argilla è uno dei prodotti dell’erosione della crosta terrestre. .
Come sapete, la crosta terrestre non è immobile, ma subisce continui movimenti. Noi non ci accorgiamo di queste trasformazioni perchè avvengono molto lentamente, nel corso di milioni di anni, tuttavia lo scontro delle placche continentali è capace di fare emergere dal mare fondi oceanici e di trasportarli anche a centinaia o migliaia di metri di altezza. L’Italia è un esempio di questo processo che iniziò circa 170 milioni di anni fa e che sembra continuare ancora oggi.

ARGILLA
Largilla è anche un materiale con cui si ottiene il fango, ed è composta da particelle di dimensione inferiore a 0,002 mm. . L’argilla umida è un materiale plastico, deformabile e compatto e La sabbia fine rende l’argilla facilmente frantumabile.La quantità di acqua presente nell’argilla ne determina le proprietà meccaniche. L’argilla asciutta è un materiale duro e compatto come un sasso. Assorbendo acqua, l’argilla diventa sempre più deformabile, ad un certo punto, la si può lavorare bene con le mani e non si attacca alle dita. Questa è l’argilla adatta per gli scultori. Se facciamo assorbire all’argilla altra acqua, diventerà un materiale appiccicaticcio che sporcherà sempre più le mani. Ad un certo punto si trasformerà in un vero e proprio liquido. Quando piove molto, l’argilla può assorbire tanta acqua da divenire fluida. Se essa si trova su versanti scoscesi può scendere a valle sotto forma di frana. L’argilla che dovete procurarvi deve essere come quella che usano gli scultori.
DOVE PROCURARE L’ARGILLA
Per realizzare tavolette cuneiformi, potete usare anche argilla raccolta vicino ad un fiume, ma dovete verificare che sia di buona qualità. Potete trovare argilla di ottima qualità  in zone che milioni di anni fa erano fondali marini.  Secondo tradizioni religiose, il primo uomo fu creato a partire dall’argilla. Questo materiale fu poi usato per fabbricare anfore e vasi, per produrre mattoni con cui costruire case, palazzi e templi. Come abbiamo visto, fu usato per scrivere. L’argilla fu la prima ceramica usata dall’uomo. Oggi, i materiali ceramici hanno una grande importanza anche in settori di punta

CONCLUSIONE
Come avete potuto sperimentare, l’argilla è un materiale fantastico. Con esso, è possibile realizzare non solo tavolette cuneiformi, ma anche piccole sculture, piccoli piatti e tazze, anche delle lampade a olio,vasi,sculture ecc.

3 risposte a l’argilla

  1. mazapegul Alice scrive:

    lungooooooooooooo !

  2. mazapegul Alice scrive:

    bello ! fabbricate l’ argilla !!!e scrivete come i sumeri !!!

  3. mazapegul ciccio scrive:

    mammma mia come e’ lungo!!!
    nn ci posso credere ke avete letto tutto!!!l’avrete trovato alla carlona e l’avete pubblicato!!…

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: